dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Servire come amare 15 – 16

Dic 27, 2020 | Silenzio e preghiera

Di Mario Giacometti, CPPS

15 “Agisci con il tuo servo secondo il tuo amore e insegnami i tuoi comandamenti” (Sal 118,124).
Ho paura dell’amore!!
La parola più usata, più falsificata!!!
Non parlatemi di “amore”…
Quante volte da giovane ho canticchiato le canzonette d’amore.
Ora, capisco e accetto solo la parola di GESÙ che disse:
“Ecco Io sono il padrone, ma sono fra voi come Colui che SERVE” (Lc 22,27).
Io capisco solo l’amore che sa SERVIRE…
Non so come sarà in cielo…
ma qui in terra mi sembra così, e in cielo sarà solo la perfezione di questo cammino che ho
iniziato qui sulla terra.
E la Madre buona disse:
“Ecco sono la serva del Signore!” (Lc 1,28).
Grazie oh MARIA… aiutami a SERVIRE.
“Servire Deo, regnare est”, servire secondo Dio vuol dire regnare.

16 “Colui che sposa la sua vergine fa bene e chi non la sposa fa meglio” (1Cor 7,28).
Io non me la prendo: io canto.
L’amore è sempre un po’ bambino, è così perché è così… c’è poco da capire, c’è solo da accettare… nel modo giusto… e qui ti voglio!… e qui sei responsabile!
Chi si sposa, vive con e per la sua sposa.
Talvolta si dice che è “tutto” per la sposa… soprattutto la sposa è “tutto” per lo sposo.
Era naturale e tutti lo capivano e lo accettavano:
cioè lo costruivano giorno dopo giorno, passo dopo passo.
Quando poi si sente che qualcuno si “dona=consacra” tutto a Dio specie se solo nel silenzio e nella preghiera contemplativa allora si dice che
non si capisce, non si accetta.
È vero! Qui vi è un “tutto” che vuol essere non solo un “modo” di dire ma un “modo” di vivere.
Inoltre, l’Altro qui è Dio stesso, il solo “Tutto”, il solo Altro, il solo Creatore… che può domandare il “tutto” dell’uomo sua creatura.
È vero, si rischia di non capire.
È tanto difficile talvolta, eppure è tanto bello che si rimane attoniti, in estasi a contemplare e altri solo a guardare e chiedersi senza rispondersi.
Perché? A che serve? A chi serve?
Perché? C’è un Creatore?
Pensavo che il mondo l’avessi fatto io… No!
Scusate… pensavo che il mondo l’avesse fatto il governo… No!
Scusate… non so chi l’ha fatto… Non mi importa… c’è e basta!?!?
Accidenti! Mi hanno staccato la luce!
Mi ricordo: non ho pagato la bolletta!
Mai mi è arrivata la bolletta del Sole che illumina tutto il mondo!
Sono intelligente e riconoscente e posso e debbo e voglio dir un bel e riconoscente “grazie” a CHI mi dona il Sole ogni giorno!
GRAZIE o buon Signore del bel Sole! Del suo sorgere e del suo tramontare. Grazie di una mamma che bacia il figlio.
Grazie dei fiori e del gorgoglio del ruscello e il cinguettio degli uccelli!

Condividi          

Editoriale
Password
Vita

Vita

Di Terenzio Pastore
Quale mamma o quale papà …

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

Ultimo numero
Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti. 

Le nostre riviste
Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.