dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Padre Vincenzo, come essere Cristiani autentici in una situazione di caos, paura e incertezza?

Mar 11, 2021

Di Vincenzo Giannuzzi

Salve Padre Vincenzo, in questo tempo vedo più che mai una desolazione spirituale nelle persone troppo prese in cose che con questo Natale non sono accostabili: il vaccino, il Covid. Qui in Lombardia sembrano tutti impazziti. Il consumismo nonostante tutto continua a causare un movimento frenetico. Mai visto questo movimento per andare ad ascoltare la Parola di Dio. Così essa rimane un grido nel deserto delle anime, della fede, e un grido fa eco.
È talmente vuoto il mondo di Dio che il grido di un Giovanni Battista farebbe eco.
Siamo giunti a un Natale dopo un anno che non ha aiutato la fede a camminare, vuoti desertici, ed è un Natale diviso perché da una parte doloroso per chi ha perduto fratelli, genitori, parenti o amici e dall’altra gioioso perché si rinnova l’evento della venuta di Gesù.
Come vivere un Natale non per noi stessi ma per dare gloria a Dio?
Come essere cristiani autentici in una desolante situazione di caos, paura e incertezza?
Alla fine come vivere questo Natale, come fare emergere i valori cristiani assopiti o oscurati da un anno che ci ha dato paure e tristezze, rabbia e disperazione.
Mi chiedo se la preghiera sarà abbastanza per fortificare lo spirito dato che il 2021 parte tutt’altro che facile.

L. da Cremona

Caro L.,
la situazione che viviamo è complicata, difficile da accettare, da accogliere e l’interrogativo come vivere tutto questo è più che legittimo.
Il Natale del Signore sussurra alla nostra vita che la disperazione, il pessimismo non sono gli atteggiamenti per vivere questa realtà di dolore che ha segnato e continua a segnare la vita di ognuno.
Il Signore che si fa carne, che prende su di sé la nostra condizione umana è un segno di vera speranza che il dolore, la morte non sono l’ultima parola sulla vita. Cristo è la luce eterna che illumina il buio della nostra vita. È in Lui, datore di vita, che dovremmo trovare la forza di muoverci per continuare ad operare il bene, a compiere opere di bene, di solidarietà verso i più bisognosi. Questo tempo di pandemia continua a portare paura, preoccupazioni per il futuro, sconcerto, ma nello stesso tempo sta risvegliando sempre più nel cuore di tanti la bellezza dell’amore gratuito, della solidarietà verso i più vulnerabili, i più bisognosi e questo è segno che nel cuore dell’uomo abita Dio. La fede nel Signore che viene per donarci la sua pace ci aiuta ad aprirci e credere alla sua Provvidenza.
Lui è l’Emmanuele, il Dio con noi, che ci ha promesso che sarà sempre con noi (Cfr. Mt 28,20).
Tu mi chiedi se la preghiera è abbastanza per fortificare lo Spirito.
Sicuramente la preghiera è l’ossigeno che tiene vivo il nostro spirito. È la preghiera che ci fa entrare sempre più nel cuore di Dio e fare nostri i sentimenti di Di e tutto questo ci è donato grazie a Gesù che ci insegna a pregare e a tradurre la preghiera, la relazione con Dio Padre in opere di bene per gli altri.
È vero, forse il 2021 si prospetta come un anno veramente difficile, ma ciò che lo renderà bello e ricco di senso sarà l’amore donato. L’apostolo Giacomo ci regala, nella sua lettera una Parola che può aiutarci a uscire sempre più da noi stessi e vivere la nostra fede in modo sempre più concreto in questo tempo tanto difficile: «Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere? Forse che quella fede può salvarlo? Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano e uno di voi dice loro: “Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi”, ma non date loro il necessario per il corpo, che giova? Così anche la fede: se non ha le opere, è morta in se stessa”» (Gc 2,14-17).
Caro L., coraggio. La nostra fede ci spinge a seminare speranza, a rendere questo nostro mondo più bello, soprattutto attraverso le nostre scelte quotidiane di bene. È in questo che si da gloria a Dio, è questo che ci fa essere cristiani autentici e fa
emergere ogni giorno, dalla nostra vita, i valori cristiani. Ti abbraccio forte e ti accompagno con la preghiera.
Dio ti benedica!

Condividi          

Editoriale
Password
Famiglia

Famiglia

Di Terenzio Pastore
Il figlio di Dio ha voluto…

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

Ultimo numero
Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti. 

Le nostre riviste
Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.