dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Il Mandorlo

Nov 22, 2021 | Sangue di Cristo e salvezza

Di Luciano Bugnola, CPPS

U n giorno il Signore chiese al suo profeta: «Geremia, cosa vedi?». Al che il profeta rispose: «Vedo un mandorlo in fiore». Il Signore approvò la risposta. Il mandorlo, infatti, per Israele, era il guardiano della primavera perché, primo a sbocciare, dava il via alle nuove fioriture.

Il nuovo di Dio è Dio in persona, che liberando Israele si è manifestato non un dio fra tanti dèi, non arruolabile a supporto del potere. Egli è il Dio vero e unico, infinito nella perfezione, autonomo nelle delibere, non colluso con i potenti.

Dio è il nuovo che sconvolge i giochi fatti: era durata fin troppo la schiavitù del suo popolo. E doveva intervenire perché l’Egitto non era solo un malessere sociale. Era la negazione dei suoi progetti a favore degli uomini-figli, era totale estraneità alle esigenze del Vangelo.

Dio ha reagito, e gli Egiziani − Faraone compreso − ne sanno qualcosa. E da questo fatto una certezza io ce l’ho: sono peccatore ma sul mio cammino c’è un paletto issato bene al suolo: Dio non mi abbandona.

Riflettiamo su noi stessi: noi cristiani siamo diventati persone pie e devote (certo, niente di male!), ma abbiamo perso quello smalto un po’ rivoluzionario che ci apre al nuovo di Dio in Cristo Gesù. Gesu è: – il germoglio che spunta dal vecchio tronco;
– la chiave, capace di aprire e di chiudere; – la rottura, guerra e pace; – il contrasto, «vi è stato detto, ma io vi dico…»; – la contraddizione, rovina e salvezza; – il vino nuovo, ma per otri nuovi.

In questo modo e così è il nostro Signore, il quale anche nella sua predicazione prospetta sempre una contrapposizione: – c’era un ricco e c’era un povero; – un uomo aveva due figli; – nella città c’era un giudice e c’era una povera vedova; – “beati voi” e “via da me maledetti”.

L’apostolo Pietro nella sua prima lettera ha riassunto la cosa in due parole: luce e tenebre. Dio ci ha chiamato dalle tenebre alla luce, delineando così il binomio che diverrà classico nella spiritualità cristiana.

E allora? Succede che siamo sempre ad un bivio: «ti ho messo davanti acqua e fuoco, avrai quello che sceglierai» (cfr. Sir 15,16). Come sempre la parola di Dio è chiara e leale. Chi ha orecchi per intendere, intenda. E chi ha inteso, si decida. Signore, che crei nuovi cieli e nuova terra, aiutaci a non rimpiangere il passato, perché vogliamo capire e vedere il nuovo che lo Spirito Santo sta creando.

Condividi          

Editoriale
Password
Speranza

Speranza

Di Terenzio Pastore
C’è bisogno urgente di missionari…

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

La Copertina di NsDs Novembre Dicembre 2021

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti. 

Le nostre riviste
Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.