Preghiera Eucaristica I

PREGHIERA EUCARISTICA I

O CANONE ROMANO

Il sacerdote, con le braccia allargate, dice:

CP
Padre clementissimo,
noi ti supplichiamo e ti chiediamo
per Gesù Cristo, tuo Figlio e nostro Signore,

congiunge le mani e dice:

di accettare questi doni,

traccia un unico segno di croce sul pane e sul calice, dicendo:

di benedire queste offerte,
questo santo e immacolato sacrificio.

E allargando le braccia, continua:

Noi te l’offriamo anzitutto
per la tua Chiesa santa e cattolica,
perché tu le dia pace e la protegga,
la raccolga nell’unità e la governi su tutta la terra,
con il tuo servo il nostro Papa N.,
il nostro Vescovo N., [con me indegno tuo servo]
e con tutti quelli che custodiscono la fede cattolica,
trasmessa dagli Apostoli.

INTERCESSIONE PER I VIVI

1C
Ricordati, Signore, dei tuoi fedeli [N. e N.]

Congiunge le mani e prega brevemente per quelli che vuole ricordare.

Poi, con le braccia allargate, continua:
Ricòrdati di tutti i presenti,
dei quali conosci la fede e la devozione:
per loro ti offriamo
e anch’essi ti offrono questo sacrificio di lode,
innalzano la preghiera a te, Dio eterno, vivo e vero,
per ottenere a sé e ai loro cari
redenzione, sicurezza di vita e salute.

2C
I
n comunione con tutta la Chiesa,
ricordiamo e veneriamo anzitutto
la gloriosa e sempre vergine Maria,
Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,
san Giuseppe, suo sposo,
i santi apostoli e martiri:
Pietro e Paolo, Andrea,
[Giacomo, Giovanni,
Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo,
Matteo, Simone e Taddeo,
Lino, Cleto, Clemente, Sisto,
Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono,
Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano]
e tutti i santi;
per i loro meriti e le loro preghiere
donaci sempre aiuto e protezione.

* DOMENICA

Si può dire in tutte le domeniche ad esclusione di quando c’è un altro Communicantes proprio,
come indicato sotto.

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno * nel quale il Cristo ha vinto la
morte * e ci ha resi partecipi della sua vita immortale, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la
gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* NATALE E OTTAVA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * [la notte
santissima, nella quale] nel quale Maria, vergine illibata, * diede al mondo il Salvatore, *
ricordiamo e veneriamo anzitutto lei * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro
Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* EPIFANIA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale il tuo
unigenito Figlio, * eterno con te nella gloria divina, * si è manifestato con la vera nostra carne in
un corpo visibile, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, *
Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

* GIOVEDÌ SANTO ALLA MESSA VESPERTINA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale Gesù
Cristo nostro Signore, * fu consegnato alla morte per noi, * ricordiamo e veneriamo anzitutto *
la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* DALLA VEGLIA PASQUALE ALLA II DOMENICA DI PASQUA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo [la notte santissima]
* della risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, * nel suo vero corpo, * si è manifestato con
la vera nostra carne in un corpo visibile, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e
sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* ASCENSIONE

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale il tuo
unigenito Figlio, nostro Signore, * ha portato alle altezze della tua gloria, * la fragile nostra
natura, che egli aveva unito a sé, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre
vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* PENTECOSTE

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo della Pentecoste *
nel quale lo Spirito Santo si manifestò agli Apostoli, * in molteplici lingue di fuoco, *
ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e
Signore Gesù Cristo,

san Giuseppe, suo sposo,
i santi apostoli e martiri:
Pietro e Paolo, Andrea,
[Giacomo, Giovanni,
Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo,
Matteo, Simone e Taddeo,
Lino, Cleto, Clemente, Sisto,
Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono,
Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano]
e tutti i santi;
per i loro meriti e le loro preghiere
donaci sempre aiuto e protezione.

Con le braccia allargate, prosegue:

CP
A
ccettacon benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia:
disponi nella tua pace i nostri giorni,
salvaci dalla dannazione eterna,
e accoglici nel gregge degli eletti.

Congiunge le mani.

NELL’INCORPORAZIONE PERPETUA:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia:
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
nel giorno della sua incorporazione perpetua;
come oggi, per tuo dono,
ha consacrato a te la sua vita,
così nella gloriosa venuta del tuo Figlio
vada incontro a lui con esultanza

 NELL’ORDINAZIONE DI UN DIACONO:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia;
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
oggi ammesso all’ordine del diaconato:
rendilo vero imitatore di Cristo
nel servizio del suo corpo che è la Chiesa.

NELL’ORDINAZIONE DI UN PRESBITERO:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia;
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
oggi ordinato presbitero della tua Chiesa:
fa’ che sia fedele dispensatore dei santi misteri
per l’edificazione del tuo regno.

Tenendo le mani stese sulle offerte, dice:

CC
S
antifica, o Dio, questa offerta
con la potenza della tua benedizione,
e degnati di accettarla a nostro favore,
in sacrificio spirituale e perfetto,
perché diventi per noi
il corpo e il sangue del tuo amatissimo Figlio,
il Signore nostro Gesù Cristo.

Congiunge le mani.

Nelle formule seguenti le parole del Signore si pronunziano con voce chiara e distinta, come
è richiesto dalla loro natura.

La vigilia della sua passione, (*)

Prende il pane, e tenendolo alquanto sollevato sull’altare, prosegue:

egli prese il pane
nelle sue mani sante e venerabili,

alza gli occhi,

e alzando gli occhi al cielo a te
Dio Padre suo onnipotente,
rese grazie con la preghiera di benedizione,
spezzò il pane, lo diede ai suoi discepoli, e disse:

inchinandosi leggermente

Prendete, e mangiatene tutti:
questo è il mio Corpo
offerto in sacrificio per voi.

Presenta al popolo l’ostia consacrata, la depone sulla patena e genuflette in adorazione.

 

Poi riprende:

Dopo la cena, allo stesso modo,
prende il calice, e tenendolo alquanto sollevato sull’altare, prosegue:
Prendete, e bevetene tutti:
questo è il calice del mio Sangue
per la nuova ed eterna alleanza,
versato per voi e per tutti
in remissione dei peccati.

Fate questo in memoria di me.

Presenta al popolo il calice, lo depone sul corporale e genuflette in adorazione.

Poi dice:

Mistero della fede.

Preghiera Eucaristica I

PREGHIERA EUCARISTICA I

O CANONE ROMANO

Il sacerdote, con le braccia allargate, dice:

CP
Padre clementissimo,
noi ti supplichiamo e ti chiediamo
per Gesù Cristo, tuo Figlio e nostro Signore,

congiunge le mani e dice:

di accettare questi doni,

traccia un unico segno di croce sul pane e sul calice, dicendo:

di benedire queste offerte,
questo santo e immacolato sacrificio.

E allargando le braccia, continua:

Noi te l’offriamo anzitutto
per la tua Chiesa santa e cattolica,
perché tu le dia pace e la protegga,
la raccolga nell’unità e la governi su tutta la terra,
con il tuo servo il nostro Papa N.,
il nostro Vescovo N., [con me indegno tuo servo]
e con tutti quelli che custodiscono la fede cattolica,
trasmessa dagli Apostoli.

INTERCESSIONE PER I VIVI

1C
Ricordati, Signore, dei tuoi fedeli [N. e N.]

Congiunge le mani e prega brevemente per quelli che vuole ricordare.

Poi, con le braccia allargate, continua:
Ricòrdati di tutti i presenti,
dei quali conosci la fede e la devozione:
per loro ti offriamo
e anch’essi ti offrono questo sacrificio di lode,
innalzano la preghiera a te, Dio eterno, vivo e vero,
per ottenere a sé e ai loro cari
redenzione, sicurezza di vita e salute.

2C
I
n comunione con tutta la Chiesa,
ricordiamo e veneriamo anzitutto
la gloriosa e sempre vergine Maria,
Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,
san Giuseppe, suo sposo,
i santi apostoli e martiri:
Pietro e Paolo, Andrea,
[Giacomo, Giovanni,
Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo,
Matteo, Simone e Taddeo,
Lino, Cleto, Clemente, Sisto,
Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono,
Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano]
e tutti i santi;
per i loro meriti e le loro preghiere
donaci sempre aiuto e protezione.

* DOMENICA

Si può dire in tutte le domeniche ad esclusione di quando c’è un altro Communicantes proprio,
come indicato sotto.

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno * nel quale il Cristo ha vinto la morte * e ci ha resi partecipi della sua vita immortale, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* NATALE E OTTAVA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * [la notte santissima, nella quale] nel quale Maria, vergine illibata, * diede al mondo il Salvatore, ricordiamo e veneriamo anzitutto lei * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro
Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* EPIFANIA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale il tuo unigenito Figlio, * eterno con te nella gloria divina, * si è manifestato con la vera nostra carne in un corpo visibile, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

* GIOVEDÌ SANTO ALLA MESSA VESPERTINA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale Gesù Cristo nostro Signore, * fu consegnato alla morte per noi, * ricordiamo e veneriamo anzitutto la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* DALLA VEGLIA PASQUALE ALLA II DOMENICA DI PASQUA

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo [la notte santissima* della risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, * nel suo vero corpo, * si è manifestato con la vera nostra carne in un corpo visibile, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* ASCENSIONE

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo * nel quale il tuo unigenito Figlio, nostro Signore, * ha portato alle altezze della tua gloria, * la fragile nostra natura, che egli aveva unito a sé, * ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre
vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

 

* PENTECOSTE

In comunione con tutta la Chiesa, * mentre celebriamo il giorno santissimo della Pentecoste nel quale lo Spirito Santo si manifestò agli Apostoli, * in molteplici lingue di fuoco, ricordiamo e veneriamo anzitutto * la gloriosa e sempre vergine Maria, * Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo,

san Giuseppe, suo sposo,
i santi apostoli e martiri:
Pietro e Paolo, Andrea,
[Giacomo, Giovanni,
Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo,
Matteo, Simone e Taddeo,
Lino, Cleto, Clemente, Sisto,
Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono,
Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano]
e tutti i santi;
per i loro meriti e le loro preghiere
donaci sempre aiuto e protezione.

Con le braccia allargate, prosegue:

CP
A
ccettacon benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia:
disponi nella tua pace i nostri giorni,
salvaci dalla dannazione eterna,
e accoglici nel gregge degli eletti.

Congiunge le mani.

NELL’INCORPORAZIONE PERPETUA:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia:
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
nel giorno della sua incorporazione perpetua;
come oggi, per tuo dono,
ha consacrato a te la sua vita,
così nella gloriosa venuta del tuo Figlio
vada incontro a lui con esultanza

 NELL’ORDINAZIONE DI UN DIACONO:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia;
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
oggi ammesso all’ordine del diaconato:
rendilo vero imitatore di Cristo
nel servizio del suo corpo che è la Chiesa.

NELL’ORDINAZIONE DI UN PRESBITERO:

CP
A
ccetta con benevolenza, o Signore,
l’offerta che ti presentiamo
noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia;
te l’offriamo anche per il nostro fratello N.,
oggi ordinato presbitero della tua Chiesa:
fa’ che sia fedele dispensatore dei santi misteri
per l’edificazione del tuo regno.

Tenendo le mani stese sulle offerte, dice:

CC
S
antifica, o Dio, questa offerta
con la potenza della tua benedizione,
e degnati di accettarla a nostro favore,
in sacrificio spirituale e perfetto,
perché diventi per noi
il corpo e il sangue del tuo amatissimo Figlio,
il Signore nostro Gesù Cristo.

Congiunge le mani.

Nelle formule seguenti le parole del Signore si pronunziano con voce chiara e distinta, come è richiesto dalla loro natura.

La vigilia della sua passione, (*)

Prende il pane, e tenendolo alquanto sollevato sull’altare, prosegue:

egli prese il pane
nelle sue mani sante e venerabili,

alza gli occhi,

e alzando gli occhi al cielo a te
Dio Padre suo onnipotente,
rese grazie con la preghiera di benedizione,
spezzò il pane, lo diede ai suoi discepoli, e disse:

inchinandosi leggermente

Prendete, e mangiatene tutti:
questo è il mio Corpo
offerto in sacrificio per voi.

Presenta al popolo l’ostia consacrata, la depone sulla patena e genuflette in adorazione.

 

Poi riprende:

Dopo la cena, allo stesso modo,
prende il calice, e tenendolo alquanto sollevato sull’altare, prosegue:
Prendete, e bevetene tutti:
questo è il calice del mio Sangue
per la nuova ed eterna alleanza,
versato per voi e per tutti
in remissione dei peccati.

Fate questo in memoria di me.

Presenta al popolo il calice, lo depone sul corporale e genuflette in adorazione.

Poi dice:

CP
M
istero della fede.

Il popolo acclama dicendo:

Annunziamo la tua morte, Signore,
proclamiamo la tua risurrezione,
nell’attesa della tua venuta.

Oppure:

Ogni volta che mangiamo di questo pane
e beviamo a questo calice
annunziamo la tua morte, Signore,
nell’attesa della tua venuta.

Oppure:

Tu ci hai redenti con la tua croce
e la tua risurrezione:
salvaci, o Salvatore del mondo.

Con le braccia allargate, il sacerdote continua:

CC
I
n questo sacrificio, o Padre,
noi tuoi ministri e il tuo popolo santo
celebriamo il memoriale
della beata passione,
della risurrezione dai morti
e della gloriosa ascensione al cielo
del Cristo tuo Figlio e nostro Signore;
e offriamo alla tua maestà divina,
tra i doni che ci hai dato,
la vittima pura, santa e immacolata,
pane santo della vita eterna
e calice dell’eterna salvezza.

Volgi sulla nostra offerta
il tuo sguardo sereno e benigno,
come hai voluto accettare
i doni di Abele, il giusto,
il sacrificio di Abramo, nostro padre nella fede,
e l’oblazione pura e santa
di Melchisedech, tuo sommo sacerdote.

Si inchina, e a mani giunte, prosegue:

Ti supplichiamo, Dio onnipotente:
fa’ che questa offerta,
per le mani del tuo angelo santo,
sia portata sull’altare del cielo
davanti alla tua maestà divina,
perché su tutti noi che partecipiamo di questo altare,
comunicando al santo mistero
del corpo e sangue del tuo Figlio,

in posizione eretta, facendosi il segno della croce, conclude:

scenda la pienezza di ogni grazia
e benedizione del cielo.

INTERCESSIONE PER I DEFUNTI

Con le braccia allargate, dice:

3C
R
icordati, o Signore, dei tuoi fedeli [N. e N.],
che ci hanno preceduto con il segno della fede
e dormono il sonno della pace.
Congiunge le mani e prega brevemente per i defunti che vuole ricordare.

Poi, con le braccia allargate, prosegue:

Dona loro, Signore,
e a tutti quelli che riposano in Cristo,
la beatitudine, la luce e la pace.

Con la destra si batte il petto, mentre dice:

4C
Anche a noi, tuoi ministri, peccatori,
e con le braccia allargate, prosegue:
ma fiduciosi nella tua infinita misericordia,
concedi, o Signore,
di aver parte nella comunità
dei tuoi santi apostoli e martiri:
Giovanni, Stefano, Mattia, Barnaba,
[Ignazio, Alessandro, Marcellino e Pietro,
Felicita, Perpetua, Agata, Lucia,
Agnese, Cecilia, Anastasia]
e tutti i santi:
ammettici a godere della loro sorte beata
non per i nostri meriti,
ma per la ricchezza del tuo perdono.

Congiunge le mani e dice:

CP
P
er Cristo nostro Signore
tu, o Dio, crei e santifichi sempre,
fai vivere, benedici
e doni al mondo ogni bene.

Prende sia la patena con l’ostia, sia il calice, ed elevandoli insieme, dice:

CP o CC
P
er Cristo, con Cristo e in Cristo,
a te, Dio Padre onnipotente
nell’unità dello Spirito Santo
ogni onore e gloria
per tutti i secoli dei secoli.

Il popolo acclama:

Amen.